Spese di viaggio e di rappresentanza: tutti gli aspetti fiscali

Redazione Soldo •

Che si tratti di professionisti a partita IVA o di aziende, le spese di rappresentanza possono essere detraibili dell’IVA e deducibili dalla dichiarazione dei redditi. Questa possibilità è stata introdotta solo pochi anni fa grazie al “Decreto sulla crescita e sull’internazionalizzazione delle imprese”, in attuazione della Delega Fiscale, legge n. 23/2014.

Il sopra citato Decreto ha, inoltre, apportato variazioni al limite unitario di spesa detraibile, portandolo a 50,00 euro.

Spese di rappresentanza professionisti: quali sono?

Per capire quali siano le spese di rappresentanza per i professionisti ci viene incontro l’Agenzia delle Entrate che, nella Risoluzione n. 27/E del 12 marzo 2014, ci mette a disposizione il seguente elenco:

Spese di viaggio per i professionisti: cosa cambia quando sono sostenute dal committente

Come è possibile notare dall’elenco sulle spese di rappresentanza dei professionisti, le spese di viaggio rientrano in questo ambito, anche se sono disciplinate da una legislazione ad hoc.

La Legge 22 maggio 2017, n. 81, che rientra nel pacchetto di semplificazioni fiscali collegato alla Legge di Bilancio 2017, introduce nuove regole fiscali per la deduzione delle spese di viaggio dei professionisti.

Alla stregua delle prestazioni alberghiere e della somministrazione di cibi e bevande, le spese di viaggio e trasporto, qualora sostenute dai committenti, non rientrano più nella categoria dei compensi in natura per i professionisti. Di conseguenza, sul piano operativo avviene nel modo seguente:

Il committente:

Il professionista:

Spese di viaggio per i professionisti: deducibilità dei costi e detraibilità IVA

Le spese di viaggio o di trasporto sostenute direttamente dal professionista sono integralmente deducibili dal reddito, se inerenti alla propria attività lavorativa. Si tratta di biglietti aerei, navali o ferroviari ecc.

Qualora si trattasse di un viaggio destinato alla formazione (convegni, seminari, corsi di aggiornamento) la deducibilità è del 50%Per trasferte all’interno del territorio comunale, sede dell’attività professionale, non è possibile dedurre il costo del titolo di viaggio.

Per ciò che concerne le spese di trasferta con automezzo del professionista vale il seguente schema:

Scopri come Soldo può aiutarti a dire addio alle complicazioni legate alla gestione dei rimborsi spese aiutandoti a mantenere la situazione sotto controllo!

Davide Pezzenati è il manager di Biolectric Italia, un’azienda all’avanguardia nella produzione di biogas da reflui zootecnici. Oggi ci spiega perché ha scelto Soldo per gestire le spese di trasferta dei suoi dipendenti in modo pratico, veloce ed efficiente.