Carta prepagata senza conto corrente – per azienda

Sono molte le carte business, ma nessuna è funzionale quanto la giusta carta prepagata, valida anche senza conto corrente. Scopri di più in questa guida Soldo!

Come funziona la carta prepagata aziendale senza conto corrente

La carta prepagata aziendale senza conto corrente si basa su un semplice principio: ai dipendenti di un’azienda non serve poter effettuare bonifici bancari – perché dei pagamenti se ne occupa il Finance, o l’amministrazione. Per questo motivo, non hanno bisogno di tutte le verifiche di merito creditizio e costi elevati che servono per l’attivazione di una carta di credito o di debito aziendale. Per loro è sufficiente avere un supporto fisico o virtuale (una carta) dotato di elementi essenziali per consentire dei pagamenti online e offline sicuri e senza intoppi. In sostanza, la carta prepagata senza conto corrente per aziende è l’ultima frontiera della rapidità e funzionalità dei pagamenti, perché non è collegata direttamente al conto corrente, anche se da questo può essere comodamente ricaricata, ma consente una sicurezza pari se non superiore alle carte che lo sono.

Vantaggi delle carte prepagate ricaricabili senza conto corrente

Il vantaggio principale di una carta prepagata aziendale è quello di proteggere da clonazioni e frodi: nel caso in cui i malintenzionati accedano ai dati della carta, potranno in ogni caso metter mano solo ai fondi momentaneamente stanziati su di essa. Il conto aziendale sarà salvo.

Poi, una carta ricaricabile può essere gestita tramite un’app di gestione delle spese aziendali o un sistema alternativo di gestione digitale. Trattandosi di spese da contabilizzare e da tenere d’occhio, fa comodo sapere che è possibile vedere come e quando le carte dei dipendenti stanno spendendo in tempo reale.

Un altro vantaggio è la possibilità di dare a ogni dipendente una carta nominale, di norma con costi molto inferiori rispetto alle carte di credito aziendali. In alternativa, le prepagate possono essere assegnate a un team, a un branch o a un gruppo di persone che si occupano di un progetto.

A tal proposito è opportuno ricordare che i circuiti a cui si appoggiano le prepagate consentono una maggiore flessibilità anche per il discorso delle carte virtuali e delle carte usa e getta.

Carta ricaricabile senza conto corrente: versione virtuale e usa e getta

Un grande vantaggio delle carte ricaricabili che possono essere attivate senza necessità di collegamento a un conto corrente è che spesso consentono di attivare anche un’opzione virtuale.

Carta virtuale

La virtualità diventa caratteristica ghiotta quando il dipendente si ritrova in una condizione di emergenza, oppure quando è momentaneamente privo di altri mezzi di pagamento e si trova lontano dalla sede di lavoro. Pensiamo a quante aziende hanno i dipendenti in smart working, o meglio in remote working, e questi devono comprare ad esempio dei pezzi mancanti alla propria postazione di lavoro, che sarebbero a carico dell’azienda.

Oppure, devono sottoscrivere un abbonamento a un servizio software necessario per portare avanti il lavoro, ma non si trovano fisicamente in azienda. La carta virtuale autonomizza il dipendente e gli consegna i mezzi per portare a termine l’acquisto.

Carta usa e getta

D’altra parte la carta usa e getta è un’opzione che le aziende usano quando devono svolgere un acquisto in un luogo insicuro, che sia online o offline. In questi casi, il reparto amministrativo emette una carta che il dipendente utilizzerà solo una volta, oppure solo per un certo lasso di tempo, o infine fino all’esaurimento dell’importo su di essa caricato. Al termine della scadenza di una di queste condizioni, la carta usa e getta semplicemente si auto-disattiva.

Carta prepagata, conto corrente o IBAN? Vediamo le combinazioni

Una carta prepagata può essere dotata di IBAN, oppure può essere associata a un conto corrente, o nessuna delle due precedenti.

Ricordiamo che il conto corrente aziendale è obbligatorio per tutte le persone giuridiche e per alcune partite IVA, benché non sia fondamentale avere una carta collegatavi direttamente, il che rende possibile l’opzione migliore per i pagamenti aziendali, ovvero conto corrente+carte prepagate.

È molto utile per la gestione delle spese aziendali sapere che la carta prepagata senza conto corrente può comunque essere dotata di un IBAN per la ricezione di bonifici e di ricariche.

Sia la carta prepagata con IBAN sia il conto corrente possono ricevere ed effettuare bonifici, il che è impossibile invece per una carta prepagata aziendale senza IBAN. Nel caso della prepagata con IBAN viene di norma esplicitamente specificata la questione bonifici: alcune carte infatti non consentono di effettuare bonifici, soprattutto per le carte business da consegnare ai propri dipendenti, dato che non è quasi mai necessario che il dipendente abbia accesso all’invio di denaro in un contesto di gestione spese aziendali.

Oltre a questo, le carte con IBAN e le carte associate ai conti correnti possono domiciliare pagamenti, prelevare dagli ATM e pagare nei negozi fisici.

Se le carte hanno circuiti adeguati (come Visa e Mastercard) è possibile anche usarle come metodi di pagamento online. Un conto corrente business consente di incassare assegni anche circolari e di emetterli, e di richiedere una carta di credito.

La principale differenza è la possibilità di andare in rosso, per una carta di credito o conto corrente, questione che non vale per la carta prepagata con IBAN, ovviamente.

Come attivare una carta prepagata senza conto corrente associato

Se si è un’azienda è obbligatorio, come abbiamo detto, avere un conto corrente business. In tal caso, è facilissimo avere una carta prepagata business: Soldo, che non è un istituto bancario, consente in pochi clic di creare le prime carte prepagate aziendali direttamente online, e di ricevere contestualmente l’accesso alla web console da parte del reparto amministrativo, e insieme l’app gestione spese aziendali di Soldo con la quale i dipendenti possono caricare scontrini e ricevute a sistema.

Soldo è una carta prepagata senza conto corrente, per aziende che hanno bisogno di:

  • Scalabilità – l’offerta Soldo è scalabile in ogni momento a seconda del numero di dipendenti dell’azienda, a partire da un piano iniziale con carte prepagate gratuite;
  • Affidabilità – il circuito Mastercard delle carte prepagate Soldo consente di utilizzarle in pressoché qualsiasi punto vendita fisico o online, a fronte di una buona garanzia dell’affidabilità dei pagamenti;
  • Integrazione – non solo Soldo si integra con ogni gestionale di contabilità, ma anche con tutti i dispositivi mobile e tutti i punti vendita;
  • Automazione – le carte Soldo inviano automaticamente dettagli sui flussi di cassa e sul budget rimanente sulla carta alla comoda web console di Soldo, che rimane in mano all’amministrazione. Questo consente di risparmiare molto lavoro meccanico e ripetitivo, come ricaricare la carta prepagata a ogni inizio mese, ad esempio.

Le carte Soldo hanno un IBAN?

Il codice IBAN è un codice alfanumerico che identifica in modo univoco un conto corrente o una carta. Le carte Soldo non sono associate a un conto corrente bancario, ma sono dotate di un IBAN in grado di ricevere bonifici – anche se non di inviarne.

Questo consente di snellire una gran parte del lavoro di contabilità e di ricaricare la carta agilmente da diversi terminali.

Automazione, controllabilità a distanza e sicurezza dei pagamenti online

La carta prepagata senza conto corrente consente di svolgere esattamente tutte le funzioni della classica carta di credito, a fronte di un costo inferiore, di una maggiore automazione e controllabilità a distanza tramite strumenti digitali, e di una superiore sicurezza per i pagamenti online.

La carta prepagata Soldo consente di ottenere tutti questi vantaggi in ottica di facilitazione dei pagamenti da parte di dipendenti in smart working e trasfertisti, ma anche aiutando il reparto Finance nella gestione dell’ordinaria amministrazione.

Una Soldo consente di gestire il conto corrente con un sistema di carte in grado di venire incontro pienamente alle esigenze di aziende di dimensioni molto variabili.

Il tutto nella totale sicurezza di una prepagata. Consulta i prezzi delle carte Soldo!

Guida completa per la gestione delle spese aziendali | Soldo

La guida completa per la gestione delle spese aziendali

Scarica la guida ora
Come funziona una carta senza conto corrente?

Le aziende dividono le proprie carte di pagamento principalmente in carte di credito e carte prepagate (in versione business).

Le carte di credito aziendali sono molto usate perché storicamente sono state il primo strumento di pagamento aziendale, anche se oggi si possono dire superate da carte non collegate direttamente a un conto in banca. Ad esempio, le carte Soldo, che sono carte prepagate e quindi di debito.

Le carte prepagate business in generale iniziano a prendere piede perché più rapide ed economiche, scalabili e versatili, soprattutto quando dotate di un circuito di pagamento diffuso.

Carta prepagata aziendale senza conto corrente: quali vantaggi?

Il vantaggio principale di una prepagata aziendale senza conto corrente è la sicurezza: quello di proteggere da clonazioni e frodi: nel caso in cui i malintenzionati accedano ai dati della carta, potranno in ogni caso metter mano solo ai fondi momentaneamente stanziati su di essa. Il conto aziendale sarà salvo.

Poi, una carta ricaricabile può essere gestita tramite un’app di gestione delle spese aziendali o un sistema alternativo di gestione digitale. Trattandosi di spese da contabilizzare e da tenere d’occhio, fa comodo sapere che è possibile vedere dove e quando le carte dei dipendenti hanno speso i fondi loro assegnati.

Un altro vantaggio della prepagata aziendale è la possibilità di dare a ogni dipendente una carta nominale, di norma con costi molto inferiori rispetto alle carte di credito. In alternativa, le prepagate possono essere assegnate a un team, a un branch o a un gruppo di persone che si occupano di un progetto.
A tal proposito è opportuno ricordare che i circuiti a cui si appoggiano le prepagate consentono una maggiore flessibilità anche per il discorso delle carte virtuali e delle carte usa e getta per aziende.

Come si crea una carta prepagata senza conto corrente?

Una carta prepagata senza conto corrente può di norma essere creata direttamente online sul sito del fornitore. Sul sito di Soldo sono sufficienti pochi minuti per richiedere e ricevere il proprio pacchetto di carte aziendali, ricaricabili attingendo direttamente dal proprio conto aziendale. Dall’ordine delle carte online al primo utilizzo possono trascorrere anche 15 minuti.

Invece, per la carta dotata di conto corrente bisogna andare nella filiale di un istituto di credito e attendere che questo effettui le verifiche di merito creditizio.

Perché scegliere la carta senza conto corrente di Soldo?

La carta senza conto corrente di Soldo permette di fare acquisti in totale sicurezza e tranquillità, perché unisce in sé le caratteristiche vincenti di una prepagata, la rapidità, la versatilità, la facilità di emissione, alla sicurezza e affidabilità del circuito Mastercard®.

Permette di controllare i budget dei dipendenti a cui viene assegnata la carta in tempo reale, direttamente da una web console in mano al reparto amministrativo.

In più, Soldo consente di attivare un pacchetto di prova di carte in via del tutto gratuita, per iniziare a sperimentare le funzionalità uniche di questo sistema pensato appositamente per le spese aziendali, dall’azienda a conduzione familiare fino alla multinazionale.

Dove posso pagare con la carta senza conto corrente di Soldo?

Ovunque venga accettato il circuito Mastercard®. Rispetto alle altre carte, Soldo ha anche il vantaggio di offrire una maggiore sicurezza per gli acquisti online, dovuta alla sua natura di carta prepagata.

Consulta i prezzi delle carte Soldo!

Scopri tutti i vantaggi delle carte prepagate aziendali