Come ricevere la fattura elettronica carburante e automatizzare la riconciliazione

Cosa fare per ricevere la fattura elettronica carburante senza complicazioni, automatizzare la riconciliazione e facilitare la detrazione dell’IVA carburante? Scopri la soluzione Soldo.

Fattura elettronica carburante e IVA sulla benzina: tieni tutto sotto controllo con facilità

L’obbligo di fatturazione elettronica del carburante è entrato ufficialmente in vigore il 1° gennaio 2019, proprio come previsto dalla Legge 27 dicembre 2017 n. 205 (meglio nota come Legge di Bilancio 2018).

La fatturazione elettronica è indispensabile per usufruire delle agevolazioni fiscali previste: deduzione delle spese carburante e detrazione dell’IVA. Imprese e professionisti sono quindi tenuti a richiedere la fattura elettronica ai gestori delle stazioni di rifornimento ogni qual volta acquistino carburante nell’esercizio della propria attività d’impresa o professionale.

Continua a leggere per scoprire come ottenerla facilmente.

Che cos’è la fatturazione elettronica per gli acquisti carburante?

Si tratta di un sistema interamente digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture. La fattura carburante è un documento in formato XML che viene inviata all’acquirente attraverso un sistema di interscambio gestito dall’Agenzia delle Entrate, denominato SdI. Il sistema di interscambio esegue una serie di controlli sulle informazioni riportate. Se tale controllo dà esito positivo, il file viene infine trasmesso all’indirizzo telematico indicato nella fattura elettronica.

Come richiedere la fattura elettronica al distributore?

Al momento degli acquisti carburante, è necessario comunicare al gestore della stazione di servizio alcuni dati. Più precisamente:

  • Partita Iva
  • Targa del veicolo
  • Codice destinatario (composto da sette cifre) o indirizzo PEC collegato alla partita IVA

Temi di non ricordare tutti questi dati? Nessun problema. L’Agenzia delle Entrate ne permette la condivisione anche tramite QR code, che viene letto dal benzinaio tramite un apposito strumento collegato al suo computer.

Una volta comunicati i dati necessari, allora è possibile emettere la fattura elettronica. Come accennato, quest’ultima viene trasmessa al SdI dell’Agenzia delle Entrate che svolge un ruolo da intermediario tra chi invia la fattura e chi la riceve. Se la fattura risulta compilata correttamente e i dati regolarmente validi, allora il sistema di interscambio procede ad inoltrare la fattura all’acquirente. Nel caso in cui il SdI dovesse rilevare degli errori, procederà ad inviare all’emittente una nota dove avvisa del mancato invio e indica l’errore presente.

IVA sulla benzina: acquista il carburante con strumenti di pagamento tracciabili

Per usufruire della deduzione dei costi carburante e della detraibilità dell’IVA carburante, è necessario che il pagamento venga effettuato con un mezzo di pagamento tracciabile, come una carta di credito aziendale, un bancomat o una carta prepagata emessa da un operatore finanziario.

Gli acquisti di carburante con fattura elettronica e mezzi di pagamento tracciabili rappresentano un ottimo banco di prova per l’organizzazione amministrativa dell’azienda digitale. Una gestione delle spese aziendali e dei processi ben strutturata può portare evidenti vantaggi in termini di efficienza (minore tempo speso) e di efficacia (assenza di errori) nelle attività contabili e fiscali, con conseguenti risparmi in termini di costi diretti ed indiretti.

Fattura elettronica e IVA carburante: scopri la soluzione Soldo

Le carte carburante aziendali Soldo rientrano perfettamente nella categoria dei mezzi di pagamento tracciabili, richiesti per gli acquisti carburante. Si tratta, infatti, di carte di pagamento utilizzabili per qualunque esigenza di spesa, compreso il rifornimento dei veicoli.

Il grosso vantaggio di Soldo è la possibilità di fare rifornimento ovunque siano accettate carte prepagate Mastercard® e non solo presso i benzinai convenzionati: i tuoi dipendenti potranno recarsi dove il prezzo del carburante è più conveniente, permettendoti così di risparmiare.

Guida completa per la gestione delle spese aziendali | Soldo

La guida completa per la gestione delle spese aziendali

Scarica la guida ora
Quali servizi offre la carta carburante universale Soldo?

La carta carburante Soldo è una carta multi-utente che può essere distribuita senza stress ai propri dipendenti o collaboratori in quanto prepagata ed abilitata ad acquistare unicamente carburante. Ti garantisce un controllo totale (ed in tempo reale) sulle spese aziendali di carburante ed è un’ottima alternativa al distribuire decine di carte di credito aziendali al tuo team.

Perché la carta carburante Soldo è meglio delle altre carte?

Il grosso vantaggio di Soldo rispetto alle altre carte carburante è la possibilità di fare rifornimento ovunque siano accettate carte prepagate Mastercard® e non solo presso i benzinai convenzionati: i tuoi dipendenti potranno recarsi dove il prezzo del carburante è più conveniente, permettendoti di risparmiare. Inoltre, a differenza di altre carte dedicate all’acquisto carburante, puoi richiederla online, la ricevi in pochi giorni e non servono garanzie per l’attivazione.

Posso usare la carta carburante Soldo anche per GPL, metano e auto elettriche?

Sì. A differenza di alcune carte carburante che spesso non vengono accettate nei distributori di gas naturale o colonnine elettriche, con la carta carburante universale di Soldo acquisti anche GPL, metano e ricarica per auto elettriche.

E per rifornirmi all’estero?

Puoi usare la carta Soldo per il pagamento del carburante (basta che il benzinaio accetti il circuito Mastercard®). Ricordati solo che, come accade per i tuoi attuali rifornimenti all’estero, l’IVA carburante non potrà essere detratta.

Con Soldo fai rifornimento dove vuoi, dove conviene di più, e tieni le spese sotto controllo