Gestione Spese

La tesoreria digitale per le imprese

5 Settembre 2022   |   13 min

 

di Roberto Garavaglia,  Innovative Payments Strategy Advisor

In un’era di continua trasformazione digitale, le imprese sono chiamate a ripensare i modelli organizzativi  aziendali e a ottimizzare processi fondamentali per lo sviluppo e la crescita, tra cui figurano quelli di contabilità, finanza, analisi dei rischi e previsioni, a favore di un’espansione sempre più rapida delle strategie di modernizzazione e innovazione.

In uno scenario quale è quello che si va delineando, le funzioni aziendali con responsabilità di controllo e governo delle strategie hanno necessità di dotarsi degli strumenti che consentano di prevedere i fenomeni che possono influenzare l’andamento dell’organizzazione.
Utilizzare la tecnologia e innovare a livello operativo diviene un must per crescere.

La tecnologia, già parte integrante del modo in cui i reparti amministrativi sono in grado di adattarsi a svolgere con successo il proprio ruolo, agevolerà le aziende che vogliono crescere, mettendole in condizione  di anticipare le sfide operative.
Il tesoriere d’impresa, in particolare, deve potersi dotare di strumenti digitali di gestione della tesoreria che gli agevolino talune attività come l’esecuzione di incassi e pagamenti, il monitoraggio della situazione patrimoniale e creditizia, la gestione del capitale circolante.

La tecnologia applicata alla funzione amministrativa

Per le aziende leader, la tecnologia applicata alla funzione amministrativa è un modo per diventare più operativi con meno sforzo.
Una tra le caratteristiche più importanti di una piattaforma di automazione finanziaria è la sua facilità d’uso, seguita dalla capacità di aumentare l’efficienza dei costi e ottenere nuove informazioni attraverso l’analisi dei dati.

L’opportunità, ad esempio, di sfruttare maggiore visibilità, controllo e supervisione sulla spesa aziendale, configura un potente meccanismo per guidare la crescita dei ricavi, mitigare i rischi, ottimizzare il flusso di cassa e l’allocazione del capitale.

L’implementazione di progetti tecnologici innovativi consente di incrementare la produttività dei dipendenti mettendo a disposizione le informazioni per il controllo del business. Ciò significa, anche, potersi concentrare su attività che possono sbloccare la crescita e che sono capaci di dimostrare tale valore agli stakeholder interni.

La tesoreria digitale per fronteggiare le crisi contingenti (… e anche quelle imminenti)

Con gestione della tesoreria si intende lo svolgimento di una serie di attività delicate che vanno dall’esecuzione dei pagamenti alla verifica degli incassi, sino al monitoraggio della situazione patrimoniale e creditizia.

Dotarsi di strumenti che permettono di digitalizzare i processi di tesoreria, facilita la programmazione delle azioni da compiere.  La gestione del capitale circolante, ad esempio, in un periodo come quello che (purtroppo) si prevede esporrà le imprese agli strali di una crisi energetica più che imminente, diviene ancor più essenziale, laddove le variabili di rischio aumentano esizialmente nella loro imprevedibilità. Poter avere un’adeguata reportistica (outlook) sulle aspettative dei flussi monetari, elaborando dati di qualità e costantemente aggiornati, diviene dunque un asset tecnologico che può aiutare le aziende a fronteggiare l’instabilità dei mercati e a mitigare gli impatti sulle filiere di approvvigionamento.

Cash Management, incassi e pagamenti digitali

Il potenziale digitale sui processi di tesoreria, ove correttamente indirizzato da scelte strategiche, può portare benefici che permettono alle aziende di aumentare la propria resilienza.

Tra le aree che, in particolare, si vuole analizzare in questo contributo, mettiamo in evidenza i benefici che la digitalizzazione può apportare su: cash management e servizi di incasso e pagamento digitali.

Nel merito della prima area, si rileva in essenza un potenziale digitale nell’adozione e gestione dei seguenti strumenti:

  • Conti virtuali di incasso e pagamento;
  • Collection Factory tramite l’utilizzo di conti virtuali;
  • Servizi di accesso ai conti previsti dalla PSD2 nella direzione dell’Open Banking (Account Information, Payment Initiation) e quelli in previsione di revisione che confluiranno nella futura PSD3 (Open Finance);
  • Sistemi di incasso innovativi, fra cui: Smart POS, Payment-by-link, Request-to-Pay, Instant Payments;
  • Nuovi strumenti per combattere le frodi: firma digitale, identità digitale, autenticazione forte;
  • Impiego di sistemi basati sulle tecnologie dei registri distribuiti (DLT) e blockchain, per cross-country settlement.

I benefici che si ottengono vanno dall’ottimizzazione delle procedure di riconciliazione e dei sistemi di controllo e gestione del capitale circolante, al miglior monitoraggio/controllo e comprensione degli andamenti di cassa, passando per una riduzione dei costi di transazione e una maggiore tempestività di incassi e pagamenti rispetto alle scadenze (p.e. instant settlement).
In relazione alla seconda area, tra i sistemi di pagamento innovativi si vuole annoverare:

  • Digital Wallet;
  • Instant Payment;
  • Recurring Payments;
  • Pagamenti per il commercio elettronico alternativi alle carte di credito, basati su bonifici non revocabili e bonifici istantanei;
  • EBPP (Electronic Billing Presentment & Payment);
  • Pagamenti in cryptocurrency (token fungibili);
  • Pagamenti in stablecoin (cryptocurrency a valore stabilizzato grazie a diverse tecniche di collateralizzazione);
  • Futuri pagamenti in CBDC (Central Bank Digital Currency).

I benefici che si ottengono vanno ritrovati in una maggiore flessibilità, sicurezza, velocità, affidabilità, tracciabilità dei pagamenti, nella possibilità di individuare nuovi modelli d’intermediazione impresa-consumatore, nell’ottimizzazione dei costi di accettazione dei pagamenti con carte e in una più efficace integrazione con ERP/Gestionali.

Piattaforme di gestione delle spese aziendali a supporto della tesoreria digitale

Una piattaforma di gestione delle spese aziendali può combinare soluzioni digitali a carte di pagamento da assegnare ai propri dipendenti e collaboratori, al fine di:

  • registrare tutte le transazioni dell’azienda in un unico posto;
  • mostrare quanto denaro viene speso, da chi e per quale attività;
  • ridurre il tempo speso per l’immissione di dati, le riconciliazioni, le note spesa e altre mansioni amministrative.

Tra i vantaggi legati all’adozione di tali piattaforme, in combinazione con sistemi di tesoreria digitale che presentino anche solo alcune delle caratteristiche e delle potenzialità più sopra descritte, si possono annoverare:

  • Controllo dei costi aziendali;
  • Monitoraggio delle spese in tempo reale;
  • Risparmio di tempo nei processi di rendicontazione;
  • Integrazione con applicazioni e piattaforme di contabilità;
  • Trasferimento fondi;
  • Richieste e approvazioni semplificate;
  • Sicurezza;
  • Processi automatizzati.

Una buona piattaforma di gestione spese, pertanto, è in grado di dare al reparto amministrativo maggiore visibilità e controllo sulle finanze dell’azienda, aiutare i CFO a prendere decisioni più oculate nella distribuzione dei budget e nelle previsioni di spesa.

Bibliografia

Related posts